BORGHIEUROPAHOMESVIZZERA

A caccia di borghi svizzeri: Sumiswald

Castello di Sumiswald

Sumiswald é un borgo svizzero di ca. 5’000 abitanti, si trova a circa 35 chilometri dalla capitale Berna ed é incastonato in una valle idilliaca nel cuore dell’Emmental. Il paesaggio collinare é cosparso di cascine con i tradizionali tetti imponenti e le facciate adornate di fiori, un esempio di stile architettonico regionale che é rimasto intatto nel tempo. Vederlo in questo momento innevato é una magia. in origine Sumiswald era un nome di foresta, solo successivamente fu dato al villaggio. 

Emmental
Le verdi colline della valle dell'Emmen (Emmental)
EMMENTAL INNEVATA
Colline dell'Emmental innevate

Il castello di Sumiswald

Come tanti altri borghi anche Sumiswald ha un castello che si estende a ca. un chilometro a est del villaggio, arroccato sulla roccia di Nagelfluh, una testimonianza unica del passato di Sumiswald. L’origine del castello é oscura, tuttavia é probabile che si trovasse già qui nel XII secolo e che fosse la residenza dei nobili di Sumiswald. All’inizio del 1225 Lütold von Sumiswald assegnò la sua proprietà ai cavalieri teutonici. Con questa donazione li obbligò tuttavia a costruire un ospedale per i poveri. Sumiswald e i cavalieri teutonici sono entrati nella storia della letteratura svizzera grazie alla novella ottocentesca “Il ragno nero” dello scrittore Gotthelf.

Castello di Sumiswald arroccato
Castello di Sumiswald arroccato
Castello del borgo di Sumiswald
Castello di Sumiswald
ATMOSFERA NATALIZIA CASTELLO DI SUMISWALD
Atmosfera natalizia al castello di Sumiswald

Sentieri escursionistici

Sumiswald é un’area molto amata da escursionisti e appassionati di Mountain bike. Sentieri che si snodano in una natura incontaminata attraverso boschi e lungo le creste collinari, da cui spazia una vista unica sull’Emmental fino alle Alpi Bernesi.

Una delle più belle escursioni della zona é la “Lüderenalp a 1’150 m di altitudine, raggiungibile in auto o in autobus. Da qui si arriva sulla vetta più alta dell’Emmental, il “Napf” a 1’408 m sul livello del mare, percorrendo un sentiero panoramico.

Meteorite di Rafrüti

Fonte: Annuario del comune di Sumiswald

Nel 1886 un contadino trovò nei pressi dell’Untere Rafrüti una massa di ferro che somigliava al frammento di una grande palla di cannone. Anche se il giovane contadino non poteva sapere cosa avesse dissotterrato, portò con sé il pezzo che pesava oltre 18 chili. Si racconta che lo usò per riscaldare l’abbeveratoio del bestiame. Un insegnante sospettò che si trattasse di un meteorite e così nel 1900 inviò un campione al Museo di storia naturale di Berna. Fu difatti identificato come parte di un meteorite. L’indagine dettagliata ha mostrato che “Rafrüti” é unico e quindi scientificamente particolarmente prezioso. Il meteorite si può oggi ammirare al Museo di Storia Naturale di Berna.

Dove mangiare a Sumiswald

1. Locanda "Zum Bären"

Mangiare nella locanda del Bären significa gustare una cena ricca di storia. Chi si ferma qui non mancherà di visitare la leggendaria tavola rotonda dove si é seduto lo scrittore Gotthelf che nel suo romanzo “Il Ragno nero” scrive: “……dopo la peste in questa tavola rotonda si sono trovat tutti i sopravvissuti dell’intera valle….”.

2. Locanda Kreuz

Il ristorante Kreuz é la seconda locanda caratteristica di Sumiswald e potrebbe essere il luogo ideale di un set cinematografico. Su vecchie foto sono riconoscibili delle scuderie che ricordano il tempo della diligenza. Il nucleo di questa locanda risale al 1664, Al piano superiore si trova la sala in legno più antica e l’unica dell’Emmental. Qui negli anni 50 sono state fatte le riprese di alcuni film dello scrittore Gotthelf: “Uli der Knecht”, Uli der Pächter” e “Käserei”.

Ristorante Kreuz Sumiswald
Ristorante Kreuz Sumiswald

Dove dormire a Sumiswald

Se volete trascorrere una notte da favola,  pernottate nel Bed & Breakfast SchlafSchloss all’interno dello storico castello dei cavalieri teutonici e lasciatevi incantare dal suo fascino.

B&B SchlafSchloss

Spero di avervi ispirato un pò e se l’articolo vi é piaciuto, vi invito a condividerlo su Pinterest. Grazie 🙂 

Con affetto

Paeuline

3 pensieri su “A caccia di borghi svizzeri: Sumiswald

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *