BURGDORFI NOSTRI VIAGGiSVIZZERA

Cosa vedere a Burgdorf in un giorno: città millenaria nel cantone di Berna

Siamo vissuti in questa città millenaria per più di 15 anni, senza accorgerci delle tante sfaccettature che ci offre, dove l’antico é riuscito a fondersi  con il moderno quasi in maniera naturale. Come si dice: “Non é mai troppo tardi!”

Burgdorf  “La città alle porte dell’Emmental (la valle dell’Emmen)” così viene chiamata la storica città fondata dagli Zähringer caratterizzata da tre imponenti falesie (Gysnauflühe) in pietra arenaria, dal maestoso castello e dalla chiesa. Burgdorf (Berthoud in francese), situata nel Mittelland svizzero, si é sviluppata attorno al castello ed é suddivisa in due parti: la città bassa e la città vecchia alta,  si trova a 500 m sul livello del mare e conta ca. 15’500 abitanti.  È attraversata da diversi corsi d’acqua che si estendono per ca. 6 km alimentando dieci piccole centrali idroelettriche che forniscono il 4 % del consumo di elettricità urbana.

Con questo tour andremo in giro alla scoperta della città bassa con il suo vivace centro commerciale e di quella vecchia alta con un centro storico costellato da bar con dêhors e ristoranti in vecchie case della corporazione (Zunfthäuser) e case in pietra arenaria del tardo barocco, risalenti al 16. sec.

Inizieremo il tour dalla stazione ferroviaria. Let’s go!

Burgdorf é raggiungibile da Berna o da Soletta in treno in 20 minuti ca. 

Nota bene:
Nel 1830 furono demolite le mura della città e nel 1857 Burgdorf fu collegata alla prima linea ferroviaria centrale Olten - Bern, successivamente venne costruita il quartiere della stazione. Nel 1899 fu inaugurata, da Burgdorf a Thun, la prima ferrovia elettrica completa in Europa. Le locomotiva nr. 1 fa parte della collezione del museo tedesco di Monaco e la nr. 2 si trova nel museo svizzero dei trasporti di Lucerna.
Museo, Gertsch, Burgdorf
Il Museo Gertsch - Burgdorf

Burgdorf: ammirare l'arte contemporanea 
del Museo Gertsch

Attraversiamo la “Bahnhofstrasse” ammirando quà e là ville sofisticate e bellissimi edifici in stile “Secessione Viennese”  e raggiungiamo la prima attrazione: il museo moderno dedicato alle opere dell’artista Franz Gertsch. Oltre alle sue opere, esposte nel nuovo edificio, il museo ospita mostre d’arte contemporanea. All’esterno, ungo la via “Platanenweg”, ci sono tre aree cementate che mirano a riflettere il corso del sole. La superficie più inclinata delle 3 aree corrisponde al giorno più lungo, infatti questa é illuminata dal sole che, a mezzogiorno,  é al suo apice…….Non vi voglio svelare altro, vi invito a visitarlo personalmente!

  • ll museo é raggiungibile dalla stazione in 5 Minuti a piedi 
  • Gli Orari di apertura sono: Ma – Ve 10-18, Sa, Do 10-17
  • Costo biglietto: CHF 16 p/p, ridotto CHF 12

Burgdorf: visitare il Kornhaus
(vecchia casa granaio)

A pochi passi dal museo un maestoso edificio costruito nel 1770 sulle vecchia mura della città attirerà sicuramente la vostra attenzione. Si tratta di una vecchia casa granaio che servì in passato per lo stoccaggio del grano, accanto a dei mulini (edifici ancora oggi conservati, ma non attivi). Dal 2011 é la sede del birrificio dove viene prodotta la birra di Burgdorf, conosciuta in tutta la Svizzera. Su richiesta vengono effettuate anche delle visite guidate per dare uno sguardo al birrificiodietro le quinte.

Kornhaus, Birrificio, Burgdorf
Vecchia casa del granaio - Oggi il birrificio della famosa birra di Burgdorf

Burgdorf: casa di J.H. Pestalozzi

Vi dice qualcosa il nome di Johann Heinrich Pestalozzi? Quì visse e insegnò per alcuni anni il famoso pedagogista. Fu lui a creare la scuola per i poveri e a diffondere il nuovo metodo d’insegnamento pedagocico di Burgdorf. Fondò una scuola nel castello di Burgdorf e grazie a questa scuola le sue idee ottennero fama in tutta Europa. Dopo 5 anni si trasferì altrove perché dovette lasciare il castello in mano al  cantone di Berna. 

Burgdorf: il museo dello scultore del ferro

Lasciamo la casa di Pestallozzi e attraversando un vicolo stretto, costruito dopo i devastanti incendi che colpirono la città, arriviamo al Museo di Bernhard Luginbühl, lo scultore del ferro di Mötschwil, famoso a livello internazionale, situato all’interno di un vecchio macello ristrutturato “Altes Schlachthaus” che in passato fungeva da ospedale per i poveri con cappella e cimitero, ancora oggi sono visibili i resti delle vecchia mura della città. Ci troviamo nel quartiere che un tempo veniva chiamato “Holzbrunnen” perché al centro c’era una fontana in legno sostituita oggi da una moderna.

Museo, Luginbühl, Burgdorf
Il Museo Luginbühl in un vecchio macello di Burgdorf

Burgdorf: "Längi Stäge" (scalinata)

Una scala (81 scalini) ci conduce alla città vecchia alta. Quì vicino sorgeva un tempo un ospedale ed un ostello per pellegrini. Ancora oggi i pellegrini del “Cammino di Santiago”, che passano da Burgdorf, ricevono un timbro. Dal 1830 la città vecchia alta é collegata con quella bassa attraverso un ponte ed un anello stradale (la vista da quassù sul quartiere del “Kornhaus” e sulle 3 falesie é spettacolare!) Nell’attuale circuito c’era un tempo l’abbazia dei monaci scalzi ed una chiesa che furono distrutti dopo l’avvento della Riforma. Nel monastero dimorò una delle prime tipografie svizzere.

Staldenkehr, Burgdorf, City
Vista dal ponte sul quartiere del "Kornhaus" e sulle 3 falesie

Burgdorf: una passeggiata nel centro storico

Arrivati nel centro storico della città alta vi renderete subito conto del fascino medievale che sprigiona il luogo: scorgerete una porticina rossa e nera che era l’ingresso posteriore della farmacia più vecchia della città. Passiamo attraverso vicoli costellati di bar e ristoranti e ci fermiamo per un attimo ad ammirare un interessante affresco (Hühnersuppe = zuppa di gallina) sulla parete di un edificio nella piazza “Kronenbrunnenplatz”, una piazza d’incontro che ha preso il nome dal ristorante più antico della città “Krone”, che non esercita più a differenza del vecchio cinema “Krone”che continua ancora oggi a proiettare.

L’affresco “Hühnersuppe” rappresenta delle donne sedute al tavolo mentre mangiano la zuppa di gallina servita loro da ufficiali Bernesi come segno di riconoscimento per la loro coraggiosa difesa dall’attacco di nobili austriaci. La zuppa di gallina viene servita ancora oggi, per tradizione, nel mese di febbraio.

Burgdorf: gustare la tipica cucina svizzera nello storico ristorante "Stadthaus"

Prima di arrivare in piazza sulla destra si trova questo storico edificio in stile Rococò sopravvissuto al terribile incendio del 1865. Una scala ci conduce su ai portici dove all’interno del ristorante avrete la possibilità di assaggiare prelibatezze della cucina svizzera. In passato era un municipio nel piano superiore e una modesta sistemazione per viaggiatori con scuderia al pianoterra. Oggi é il miglior hotel/ristorante di Burgdorf.

Stadthaus, Burgdorf
Stadthaus - Burgdorf

Burgdorf: fare una pausa tè nello storico 
tea room in legno

Di fronte allo «Stadthaus» c’é la casa più stretta di Burgdorf ed un altro storico locale: il tea room “Confiserie Widmer” con le pareti interne rivestite in legno, uno dei pochi nel cantone di Berna dove ancora oggi vengono servite delle bevande alcoliche. In questa casa visse lo scrittore Schneckeckburger, nel 1904 la casa venne acquistata dall’Alsaziano Nadelhofer che inventò i “Burgdorferli” (cioccolatini famosi resistenti al caldo). Varcata la soglia si ha la sensazione di tornare indietro nel tempo perché gli arredi sono rimasti esattamente come negli anni 40.

Nota bene:
A quei tempi le case venivano costruite con poche finestre e porte, perché In base al loro numero venivano pagate le imposte!

La chiesa di Burgdorf

Il pergolato lungo la facciata principale dello “Stadthaus” ci conduce a “Kirchbühl” che emerse nel 16. sec. dopo la demolizione delle mura della città. Quì sulla collina della città si trova la chiesa in stile tardo gotico, costruita nel 1471 su una vecchia chiesa dallo stesso costruttore del Münster di Berna. Fu cattolica (ancora oggi é visibile la croce) fino all’avvento della Riforma del 1528. La Balaustra del tardo Medioevo, in pietra arenaria, all’interno della chiesa é considerata una delle più preziose in Svizzera. Anche il quadrante dell’orologio é il più grande della Svizzera dopo quello di San Pietro di Zurigo.

Dalla chiesa s’intravede la “Siechenhaus” una casa dei lebbrosi con la Cappella di Bartolomeo costruita al di fuori dei confini della città dopo le devastanti pesti nel 15. sec. Successivamente venne sventrata per la paura d’infezioni. Oggi viene affittata per eventi privati.

Burgdorf: fare un tuffo nel passato nel maestoso castello

La cartolina più bella di Burgdorf é Il castello, da quì avrete una vista strepitosa sulla città, sulle Alpi Bernesi e sul Giura. Costruito su uno sperrone é considerato l’unico castello degli Zähringer meglio conservato del 12. sec. Fino al 2012 era il luogo di giurisdizione e la prigione della regione. Dopo alcuni anni di ristrutturazione finalmente il 25. Aprile di quest’anno riaprirà al pubblico con un ostello, un ristorante ed una sala per matrimoni civili, insomma un punto d’incontro per tutti! Naturalmente continuerà l’attività che museo, già esistente, che espone oggetti e documenti relativi al periodo del Medioevo.

 

I mercatini di Burgdorf

I mercati hanno avuto sempre un ruolo importante a Burgdorf. Ancora oggi il giovedi e sabato si svolge il mercato settimanale nella città alta, ma durante l’anno c’é anche il mercato di maggio, quello autunnale, il mercato freddo e quello di Natale. Se avete l’occasione non perdetevi un giro tra le bancarelle.

Markt, Burgdorf, Altstadt

Burgdorf: Solennità (festa dei bambini)

Se venite l’ultimo lunedi del mese di giugno, non potete perdervi la Solätte (festa della Solennità), una bellissima celebrazione all’insegna dei colori e dei profumi dei fiori, che si svolge secondo lo stile di un’antica tradizione che dura da oltre 270 anni, iniziata su suggerimeno di Dekan Johann Rudolf Gruner (il fondatore della bibblioteca). La festa inizia già nelle prime ore del mattino, quando tutti i ragazzi della città vestiti di bianco, accompagnati dagli insegnanti sfilano in processione. Nel pomerigio dopo la seconda sfilata si riuniscono tutti alla “Schützenmatt” (un immenso parco) dove si gioca, si balla, si mangia, si beve e ci si diverte!

 

Solätte, Solennität, Burgdorf
La festa della "Solätte"
Valle dell'Emmen (Emmental)

Spero di avervi ispirato. Questo ed altro vi attende durante il vostro soggiorno a Burgdorf. Dopo il tour della città, se avete ancora qualche giorno a disposizione, potete fare un’escursione sulle tre rocche. Un sentiero a zig zag vi condurrà in cima da dove potrete ammirare la bellissima città degli Zähringer! Un “must” per ogni visitatore.  Troverete tutte le info presso il “Tourist Office”. Inoltre a ca. 17 km si trova la “Schaukäserei di Affoltern” dove viene prodotto il formaggio “Emmental” che vi consiglio assolutamente di visitare!  Un “on the road” attraverso la valle dell’Emmen é un’esperienza unica!

Con affetto

Paeuline

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *