Gallipoli

Gallipoli: 5 motivi per andare

Come ti abbiamo già accennato in questo articolo la Puglia é una terra sorprendente. Sono stata adottata dal Salento tanti anni fa quando ho conosciuto mio marito. Per noi Gallipoli é unica nel suo genere ed é sicuramente una delle città più belle e frequentate del Salento. È tempo di vacanze e ci viene spontaneo consigliarti di visitarla almeno una volta nella vita. Gallipoli dista dall’aeroporto di Brindisi un’oretta ca. Per visitarla evita però i mesi di luglio e di agosto perché in quel periodo la città viene letteralmente invasa dai turisti. Se vuoi goderti l’atmosfera magica di questa città, vai in autunno, perché anche in questo periodo la città continua a mantenere vivo il suo fascino e la ressa del turismo é solo un ricordo.

Segnati il Pin

Gallipoli

Gallipoli (“kali polis” ovvero “città bella”) viene denominata “la perla dello Ionio”. La città vecchia sorge su un isolotto protetto da una cinta bastionata ed é collegata al resto della città da un antico ponte. Eh si perché Gallipoli é suddivisa in due: la parte nuova e quella vecchia dove si trova appunto il centro storico. 

GALLIPOLI:
1. MOTIVO PER ANDARE

Arrivati a Gallipoli raggiungi il quartiere nuovo e attraversa il Corso Roma, dove puoi sbizzarrirti a fare shopping nei tanti negozi presenti. Prima di proseguire verso il centro storico ti consiglio dii ammirare la bellissima Fontana Greca, simbolo di tanta storia (é infatti considerata la fontana più antica d’Italia) che si trova sul lato sinistro prima di arrivare al ponte. 

Secondo una leggenda popolare “ Virgiulliu la pensau e la vecchia la fice” la fontana fu modellata da una fata che ricevette l’ordine da Virgilio stesso che, si dice, soggiornò per molto tempo nel Salento.

Passato il ponte ti troverai nel pittoresco Centro Storico. Girovaga attraverso i vicoli stretti e ti sembrerà di perderti in un labirinto, ma niente paura! Ne uscirai sano e salvo hihi! Attraverso le stradine scoprirai angoli d’altri tempi. Dietro ai portoni di antichi palazzi si nascondono infatti cortili con scale e balconcini abbelliti con piante e fiori. Oltretutto troverai un susseguirsi di botteghe, che offrono prodotti tradizionali, e di ristoranti dove non puoi perderti la degustazione di molti piatti caratteristici. Alla cucina salentina, si sa, non si può resistere ed é d’obbligo mangiare la pasta e ceci, il puré di fave con la cicoria, le orecchiette con le cime di rape e tante altre prelibatezze! Esagerare in Salento é permesso!

Gallipoli
Gallipoli

GALLIPOLI:
2. MOTIVIO PER ANDARE

All’ingresso del Borgo Antico scorgerai la chicca di Gallipoli e cioè l’imponente Castello Angioino-Aragonese del XVI sec. Basta attraversare il ponte levatoio per trovarsi in un’altra epoca! All’interno ci sono anche dei negozietti di souvenirs e un piccolo bar. Su questo sito troverai tutte le informazioni.

Arrivando sul punto più alto dell’isola al centro ti stupirai davanti alla maestosa Cattedrale Barocca con la facciata in carparo dedicata a Sant’Agata Catanese. A questo proposito mi viene in mente la festa catanese (considerata una tra le più belle al mondo) dell’omonima Santa, patrona della città di Catania (permettimi un omaggio alla mia città nativa) e di altre città. Soffermati ad ammirare i sontuosi palazzi in stile barocco. Non esitare ad entrare negli antichi frantoi e a visitare il museo civico.

“Ci sono paesaggi come certi istanti della vita che non si possono cancellare mai dalla mente,
tornano sempre ad attraversarci dal di dentro
con un’intensità più forte!”

(cit.)

Tramonto a Gallipoli
Tramonto Gallipoli

GALLIPOLI:
3. MOTIVO PER ANDARE

Recati al mercato del pesce che si trova nel fossato del castello, dove potrai assaggiare specialità a base di pesce crudo. L’orario migliore é quello dell’aperitivo quando rientrano le paranze. È sicuramente molto suggestivo passeggiare la sera intorno alle mura, concludendo la serata in uno dei tanti ristoranti per una cenetta a base di pesce fresco. Distogli lo sguardo dai piatti e goditi il momento più bello della giornata: il tramonto!

GALLIPOLI:
4. MOTIVO PER ANDARE 

Le spiagge del Salento in generale non hanno niente da invidiare a quelle dei Caraibi, basta ammirare il mare cristallino, trasparente dalle mille sfumature con una sabbia chiarissima circondata dalla pineta tipica della macchia mediterranea così verde che il contrasto con il mare azzurro crea un’atmosfera unica.

Negli ultimi anni la movida di Ibiza sembra essersi spostata a Gallipoli, infatti alcune delle spiagge più “Glamour” di Gallipoli come il Samsara Beach e il lido Zen dalle ore 17.00 in poi si trasformano in discoteche all’aperto dove trascorrere qualche ora in allegria fino al calar del sole. Una meta immancabile per coloro che amano scatenarsi all’aperto a ritmo di musica!

GALLIPOLI:
5. MOTIVO PER ANDARE

Se sei in cerca di una giornata particolare e vuoi goderti il mare e la costa in modo diverso, ti consigliamo una gita in barca. A Gallipoli infatti puoi noleggiare un gommone o un motoscafo, che fino a 40 CV non necessita la patente nautica, e navigare fino all’isola di Sant’Andrea, un isolotto di fronte alla città vecchia con un faro e gabbiani che nidificano in libertà. Continua la navigazione a ritmo lento lungo la costa fino ad arrivare a Porto Selvaggio, un pezzetto di paradiso per poi ritornare verso il porto di Gallipoli e goderti il tramonto.

Per la gita in barca noi abbiamo noleggiato un motoscafo pagando 100 Euro per tutta la giornata da: Italmare Noleggio di barche e gommoni, Via Lungomare Marconi, Gallipoli Tel. +41 348 27 67 297.

GALLIPOLI: 
RISTORANTI CHE CONSIGLIAMO

  • Il Bastione
  • La Risacca 
  • Trattoria la Puritate 
  • Meiji Sushi Restaurant
  • Trattoria Seno del Canneto (qui abbiamo gustato le migliori orecchiette con le cime di rape)
  • Ristorante Art Nouveau (Santa Maria al Bagno)

Ti invitiamo a condividere l’articolo sui social e di lasciarci un commento per sapere cosa ne pensi di questi luoghi. Grazie 🙂

Con affetto

Paeuline 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *